ANGELICA

Angelica principi terapeutici protezione bagni rituali

Pianta perenne che vive nell’Europa nord orientale, non riesce a sopravvivere in tutte le zone dell’Italia ma solo in quelle dell’Appenino in zone fresche e soleggiate ma non eccessivamente ventilate.

Angelica principi terapeutici protezione bagni rituali

Può arrivare anche a due metri di altezza e appartiene alla famiglia delle Apiacee. In Europa ci sono circa 30 specie diverse di angelica.
La specie principale è l’Angelica archangelica (o Angelica officinalis) che non và confusa con l’Angelica silvestris (o Angelica selvatica) comune in Italia ma dalla quale differisce perchè molto meno profumata, più piccola sia come altezza che come dimensioni delle foglie che sono verdi uniforme su entrambe le pagine ed i fiori sono di colore bianco-rosato.

Angelica principi terapeutici protezione bagni rituali

Dell’angelica si utilizzano tutte le parti della pianta: la radice, raccolta all’inizio dell’autunno; i semi estratti dalle ombrelle in piena fioritura e fatte essiccare; il fusto raccolto in estate e le foglie colte alla fine della primavera, prima della fioritura.
Le radici ed i frutti sono fatti essiccare al sole e poi conservati: le radici in sacchetti di tela, i frutti in barattoli di vetro. Le foglie di angelica si fanno essicare in un luogo fresco e arieggiato e si conservano in sacchetti di tela.

Angelica principi terapeutici protezione bagni rituali

In cucina: L’Angelica viene utilizzata nella preparazione di dolci e liquori per le sue proprietà digestive.
Le foglie fresche sono usate per aromatizzare frutta cotta o pesce.
Il fusto usato in piccole quantità profuma marmellate e confetture.
I giovani rametti delle piante, raccolti all’inizio dell’estate possono essere canditi e usati come decorazione dei dolci.
Dopo le bacche di ginepro, la radice di angelica è l’ingrediente principale del gin. Viene anche utilizzata per aromatizzare Cointreau e Vermouth.
Famoso è il liquore benedettino Chartreuse.

Angelica principi terapeutici protezione bagni rituali

Uso terapeutico: Le radici contengono i principi terapeutici della pianta ,elementi come acido caffenico e clorogenico,cumarine, furacumarine e olio essenziale. Le proprietà della pianta sono toniche e antispasmodiche e curano alcune turbe della psiche. Le radici vengono usate anche per l’insonnia. L’estratto alcolico, sembra abbia effetto anche sulla Candida Albicans. Data la presenza di polienine, sembra che effettuando bagni esterni, si abbia un effetto lenitivo sui dolori reumatici. L’olio essenziale estratto dalle radici, per la forte presenza di cumarine e furacumariane da un’immediata azione calmante sui dolori gastrici causati da gonfiori e coliche. Ha inoltre la proprietà di riscaldare il corpo è quindi utile in tutte le affezioni da raffreddamento.
Ha un effetto tranquillante, calmante per il mal di testa ed i dolori mestruali
Inoltre qualche goccia di olio essenziale posato sul cuscino, fa respirare meglio ed aiuta a combattere l’insonnia specialmente quella dei bambini. Durante un viaggio è utile per la nausea e il mal d’auto.

Angelica principi terapeutici protezione bagni rituali

Uso magico : E’ considerata una delle migliori piante di protezione perché crea una barriera contro le energie negative e distruttive e riempie chi la usa di un’abbondante energia positiva. Migliora l’aura e aiuta il proprio io psichico ad essere più aperto e funzionale. L’Angelica può essere usata anche per bagni rituali, rituali di benedizione personale e rituali di purificazione.

I commenti sono chiusi